La storia

Meta è la magica porta della Penisola Sorrentina,con un panorama mozzafiato che incanta tutti i turisti sule terrazze che offrono uno degli scenari più belli al mondo.
Meta ha una storia antica con la presenza di tracce greche e romane.
I Greci con l’ aggettivo “alimureis” indicavano uno dei 5 punti d’approdo nella Penisola Sorrentina e ancor oggi una delle Spiagge più note di Meta e’ l’Alimuri.
I resti di una necropoli romana presso il Santuario della Madonna Del Lauro dimostrano la presenza di insediamenti agricoli pre-romani. Proprio nel periodo pre- romano si sviluppo’ lo sfruttamento intensivo del suolo ,la realizzazione di terrazzamenti e l’introduzione di olivo e vite.
Il nome di Meta deriva da “miliarium”,pietra istallata sulle strade romane.
Meta è famosa per le torri di avvistamento costiero del IX secolo.
Nel X secolo fu costruito il Santuario della Madonna De Lauro che vide nel XII secolo l’erezione del campanile barocco.
Famosissimi nella storia della navigazione i Cantieri di Costruzione Navale di Alimuri,simbolo di una secolare tradizione marinara di Meta e dei suoi abitanti .
Una caratteristica delle case metesi sono gli ampi cortili a porticato dove si stendevano le vele.
Nell’Ottocento la coltivazione degli agrumi su terrazzamenti modifico’ l’agricoltura e le abitudini dei metesi.
Il momento culminante per Meta fu l ‘epoca mitica della vela,con imprese straordinarie delle grandi famiglie metesi.
Nel 1784 furono inaugurati due Istituti Navali : uno a Meta e l’altro a Piano e da queste scuole tantissimi furono e sono coloro che si imbarcarono e si imbarcano ancora oggi con le compagnie di tutto il mondo.
Ma furono soprattutto i Cantieri Navale Metesi a divenire famosi in tutto il mondo;nel 1860 i Cantieri Alimuri disponevano di 8 scali di costruzione con la produzione di centinaia di bastimenti.
Anche l’architettura metese ha subito l’influenza di questa tradizione con case costruite secondo le esigenze degli armatori e dei Comandanti.

Meta e la natura

Cinque le tappe del percorso naturalistico metese.
Montechiaro,Casini,Alberi,Camaldoli e Arola.
Si tratta di località che restano al di sopra del nastro stradale del Corso Italia e che sono caratterizzate da panorami mozzafiato ,da saliscendi e coltivazioni di ulivi,da agrumeti profumatissimi.

L’arte a Meta

Laddove sorgeva il tempio di Minerva,sorse la Basilica della Madonna del Lauro,dedicata alla Vergine dopo che una donna metese rinvenne sotto un albero di lauro una statua della Madonna.Oggi la costruzione si presenta con una facciata neoclassica e un campanile barocco,costruito successivamente.
Dietro la porta metallica si può ammirare una porta lignea del 500 con i Misteri del Rosario.in sagrestia si possono vedere gli affreschi di Costantino Desiderio (1783).
Espressioni minori del Barocco napoletano si ritrovano nelle chiese di Meta . Tra le costruzioni più belle ricordiamo :
Villa Liguori,costruita nel 1773
Palazzo Fienga,di cui non si conosce l’esatto data di costruzione e si suppone che ci sia stato l’intervento di Vanvitelli per la sua ristrutturazione.
Villa Valletta Martini,bellissima dimora settecentesca

Villa Giuseppina,imponente edificio di scuola Vanvitelliana che sorge proprio di fronte a Villa Sorento.fu edificata nel 1739,appartenuta a vari proprietari tra cui i Borboni fino al 1840.Li ospiti di Villa Sorrento possono passeggiare nello splendido parco Vanvitelliano di questa magica costruzione

Meta e i limoni

I limoni Sorrentini sono famosi in tutto il mondo e rappresentano un prodotto ortofrutticolo italiano a Indicazione Geografica Protetta.
Viene denominato “limone femminiello”, ha dimensioni medio – grosse ed ha un peso minimo di 85 grammi. Il succo è altamente acido e ricco di vitamina C.La buccia è molto profumata e di colore giallo citrino.
Caratteristica è la tecnica di coltivazione ,basata sull’uso delle “pagliarelle”,appoggiate a pali di sostegno in legno,allo scopo di proteggere gli alberi dal vento e dal freddo e ritardarne la maturazione.
Il “femminiello” Sorrentino ha una grande applicazione in cucina e rinomatissimo è il liquore limoncello che viene esportato in tutto il mondo.
A Villa Sorrento potrete passeggiare in uno degli agrumeti storici della Penisola Sorrentina e assaggiare il magico liquore “giallo”.